csaba 18 dicembre 2016

Cake of the month di dicembre

La ricetta del mese di dicembre è un pane dolce austriaco: lo stollen. La ricetta è tratta dal libri "Happy Christmas" di Delia Smith: è facile da preparare e molto buona da servire a colazione o con un thé pomeridiano, caldo e speziato.
50 commenti

Ho sempre amato Delia Smith – come potrebbe essere il contrario? Questa signora inglese, che oggi ha 75 anni (e credo sia felice di dirlo, visto che ne dimostra almeno 15 di meno…) è un’icona della cucina in Inghilterra e ha venduto ad oggi più di 20 milioni di copie dei suoi libri di cucina. La sua carriera è stata “spronata” (circa sessant’anni fa) da un fidanzato che elogiava i suoi piatti quando era ragazza. Ma lei non ha frequentato una scuola di cucina prestigiosa, anzi ha fatto la gavetta, quella vera. Il suo primo impiego in un ristorante, a Londra, è stato come lavapiatti. Poi è passata al servizio ai tavoli e solo dopo a poter dare una mano in cucina.
Più o meno quando io sono nata lei si sposava e iniziava a scrivere sui più prestigiosi quotidiani inglesi le sue rubriche di cucina. Oltre ad aver scritto molti libri, Delia è stata una delle prime stelle della BBC (la televisione inglese) – quello che Julia Child ha fatto in America, Delia lo ha fatto in Inghilterra. Il suo talento e la sua fama non sono stati scalfitti da stelle della cucina come Nigella Lawson e Jamie Oliver, perché il suo stile “da signora pacata” è un’altra cosa e le sue ricette, sebbene classiche, hanno un fascino tutto proprio.
Oltre a dominare le classifiche di vendita dei libri in Gran Bretagna, Delia ha continuato a condurre i suoi show televisivi sino al 2013, per poi annunciare il suo desiderio di volersi concentrare solo sul web – non male, direi. La ammiro davvero molto!

Dei suoi tanti libri uno mi piace particolarmente, e da qui ho tratto la ricetta del mese di dicembre: lo “stollen” – un pane dolce originario dell’Austria. Il libro si chiama “Delia’s Happy Christmas” e le bellissime fotografie sono opera di Petrina Tinslay, che resta sempre uno dei miei obbiettivi fotografici preferiti. Il suo modo di scrivere, chiaro e per nulla complicato, è una voce che mi accompagna quando ho voglia di cose di altri tempi (e quindi, piuttosto spesso). Spero che la sua ricetta dello stollen piaccia a voi come a me. La trovate qui. Buone feste!

Lascia un commento!
50 commenti
Maria Luisa Mottola |

Felicitazioni Simona!!! Benvenuta piccola Marta il Natale ? più bello!!! Buone Feste!

Carla |

Buongiorno! da oggi sono in ferie (si fa per dire) – Programma: oggi – pulizie a fondo, incartare ultimi pacchetti, stirare tovaglia di Natale, varie ed eventuali, domani – la mattina spesa al mercato (in verità a due mercati differenti con somma gioia del marito obbligato ad accompagnarmi) e dal pomeriggio in cucina a cominciare a preparare, la Vigilia – sveglia all’alba e cucinare, cucinare, cucinare – il momento più bello: verso le 17,00 allestire la tavola, farmi una doccia, farmi bella (per quanto possibile) e poi aspettare finalmente gli ospiti!! E i vostri programmi quali sono?

MARINA N |

Ciao Carla, questa mattina di pulizie anche io, nel pomeriggio al lavoro e da domani in ferie.
Anche io da domani sarò in cucina ma niente di particolare solito menù natalizio come da tradizione.

Carla |

Poi, quando hai tempo, svelaci questo menu tradizionale, sono curiosa e sarà sicuramente buonissimo! Buone pulizie anche a te!

MARINA N |

Vigilia rigorasamente con menù di pesce a partire dalla pasta, il pesce sarà al forno con classico ripieno.
Natale cappelletti in brodo e bollito.
Parmigiana di cardi, devo ancora decidere gli antipasti e contorni.
Per i dolci ho appena sfornato il panforte di Csaba, poi preparerò la crema al liquore per accompagnare il panettone, torroni . Il tutto molto semplice, come da tradizione.
Durante le ferie invece avrei voglioa di sperimentare qualcosa di nuovo, sono graditi suggerimenti!
E tu?

K@ti@ |

Io quest’anno salto la tradizione a “piè pari” per la vigilia di natale piatto.unico…paella di pesce.
Natale e s.Stefano sono i nvitata a pranzo.

MARINA N |

Brava Katia!

Carla |

Io devo preparare solo per la Vigilia, rigorosamente di pesce: vol au vent con mousse di tonno, tartine al salmone e tartine salsa rosa e gamberetti – bavette zucchine, gamberi e zafferano, polpo con melagrana di Csaba, salmone all’arancia di Csaba, anelli di calamaro fritti – insalata russa fatta da me – puntarelle alla romana – croccante di mandorle fatto dalla sottoscritta e dolci vari (adoro i marrons glaces). Mia mamma preparerà le verdure fritte (broccoli in pastella e carciofi fritti qui a Roma sono obbligatori)!

Gabriella 75 |

Congratulazioni Simona. Sono felicissima per te. Questo sì che è un bel regalo di Natale. Benvenuta piccola Marta

Gabriella 75 |

Congratulazioni Simona. Sono felicissima per te. Questo sì che è un bel regalo di Natale ? ?

Maria eterna |

Auguri Simona un bacio alla piccola Marta questo sara’ un Natale indimenticabile.

Il circolo delle signore |

Grazie a tutte per l’affetto che mi avete dimostrato. Un abbraccio grande grande. Simona

federica |

Congratulazioni Simona e un bacino alla dolcissima Marta anche da parte mia.

Carmelina |

Auguroni anche da parte mia,sarà un Natale bellissimo e un ben arrivata alla piccola Marta!

Il circolo delle signore |

Buongiorno Signore, il 19 ho dato vita alla mia torta del mese: si chiama Marta, è buona e dolcissima. Un grande abbraccio a tutte.

Mary |

Congratulazioni! Che bel nome e che bel regalo di Natale. Anch’io ho avuto i miei gemelli prima di Natale. Il 18 dicembre di 27 anni fa!

K@ti@ |

E certamete vorrai mangiartela di baci ogni giorno!
Ma l’hai chiamata Marta in.onore della Stewart? Allora potevi chiamarla Csaba! 😉

monica |

Auguri mamma! Benvenuta a Marta! Dalle un “morsetto” da parte mia. Felice per te. Un abbraccio. monica

MARINA N |

Auguri! Questo sarà sicuramente un Natale meraviglioso! Un bacio alla mamma e alla piccola Marta.
🙂

Rita Rezzaghi |

Congratulazioni di cuore!!!
Benvenuta Marta, un bacino a te e un abbraccio alla tua mamma!
Sarà un meraviglioso Natale per voi, vi abbraccio

Carla |

Mi unisco con gioia agli auguri per il lieto evento e per un Natale davvero speciale!!! Marta è un nome bellissimo!!!

Luisa |

Congratulazioni per questo meraviglioso arrivo. Benvenuta piccolina. Buone feste.
Luisa

csaba csaba |

Congratulazioni e benvenuta Marta! Un abbraccio grande e un augurio sincero di ogni bene.

FrancescaA |

Buongiorno , che Natale stupendo ! Un abbraccio grandissimo e auguri di cuore .

Isabella |

Congratulazioni e auguri di cuore! Benvenuta Marta.

Gisella |

benvenuta Marta!!! Un grande abbraccio a te Simona ed un baciotto a Marta. Felice Natale alla tua super famiglia

Mary |

Ho anch’io due vecchi libri di Delia Smith. È bravissima, ma che ci posso fare… Non mi piace stollen, panettone, Christmas cake o pudding inglese… Insomma niente di questi dolci con uva, canditi etc… Lo so… sono il simbolo di natale ma non ho mai imparato ad apprezzali. Preferisco biscotti e cioccolata ?

Mary |

Buongiorno girls, oggi finalmente sono in ferie e si incomincia con la mia solita tradizione di fare i biscotti natalizi . Per prima faccio una morbidissima pasta frolla con dentro formaggio morbido… si fanno dei quadrettini e dentro c’è marmellata di lamponi e si piegano come dei fiocchi. Poi le palline fatti con burro e noci e zucchero a velo; chocolate chip cookies con sopra le m&m però uso solo quelli color verde e rosso (che riesco a comprare al lavoro) . Vorrei provare anche a fare dei biscotti italiani che non faccio da tempo. Si chiamano “Anginette” e sono biscotti morbissimi poi ricoperti di glassa bianca e confettini colorati. Di solito regalo questi biscotti in un bel piatto natalizio con cioccolatini per decorare. Allora si parte…. e come dice Csaba “Happy Baking!” ?

csaba csaba |

Sembra un ottimo piano! Happy baking Mary ??

Loredana scopel |

Cara Csaba bella l’ idea dello Stollen , pero’ nella ricetta originale austriaca lo Stollen si presenta in forma diversa ( tipo una pagnotta lunga) ed è rigorosamente cosparso di zucchero a velo. Baci lory

csaba csaba |

Che bello leggerti Lory! Ti ho pensata spesso. Hai ragione la firma tradizionale é ovale! Quanto allo zucchero a velo, mi piace molto la versione di Delia con il limone! Un abbraccio e buone feste.

Loredana Scopel |

Csaba è perfetto anche così’ uno Stollen più moderno. Spero di rivederti presto…. un grande abbraccio! Lory

csaba csaba |

Lo rifarò per il 26 senza glassa… un abbraccio!

K@ti@ |

Mi sarebbe piaciuto vederla dentro questa torta, dopo essere stata tagliata….la mia con sapa è molto buona!

K@ti@ |

Che combinazione (più o meno) ho appena sfornato una ciambella che somiglia a questo ma fatta con la sapa oltre a noci e uvetta, adesso devo aspettare che freddi un po’ per mettere la glassa…oggi il forno sta “svalvolando” adesso ho infornato biscottini al burro, dopo tocchera di nuovo a quelli al cacao, quindi ancora crackers con semi(devo regalarli) e ho fatto pure il croccante al sesamo.

gisella |

? wow!!! anch’io oggi in cucina, pranzo x compleanno di mio figlio che ha chiesto i bolliti misti e il classico risotto alla milanese per 10….. Domanda Katia dove hai trovato la sapa? Credo di avere lo stesso libro da cui trai le ultime ricette… ma la sapa???? Help

K@ti@ |

La verità…la suocera di mia cognata le aveva portato questo mosto d’uva da Reggio Emilia, però io ho assaggiato la vera -credo- sapa in Sardegna e devo dire che quella era buonissima, piuttosto sciropposa e fatta in casa, questa è.un po più liquida ma sempre mosto d’uva cotto è….vediamo stasera il risultato…adesso vado di glassa! E magari rosmarino sopra? 😉

Luisa |

Ciao Katia a Reggio Emilia con questo mosto viene preparato un “pesto” che si usa per fare i tortellini dolci fritti o al forno (come fa la mia mami che tanto emiliana non è :-D) e alla stessa si aggiunge poi cioccolato, frutta secca a piacere, caffè in polvere …almeno la ricetta che ci aveva insegnato la nostra cara vicina di casa e” così :). Ma di solito è’ più denso una sorta di composta, marmellata. Chissà che buoni i tuoi dolci…per i crakers quale ricetta hai seguito?
P.S. Avete suggerimenti per antipasti possibilmente di pesce senza salmone affumicato e molluschi vari per la mia cognatina in dolce attesa :). Grazie

Buona serata Luisa

Carla |

Io ti consiglio delle tartine con salsa rosa e gamberetti (freschi) non surgelati, vol au vent con mousse di tonno (frullo 200 gr. di formaggio cremoso, 300 gr. di tonno sott’olio, 40 gr. di capperi 4 filetti di acciuga, 50 gr. di burro e succo di 1/2 limone – quantità per 30 vol au vent) e poi cozze al gratin.

K@ti@ |

Ciao Luisa, se vai al.post dei biscotti Hygge di Csaba trovi le mie dosi che ho dato in risposta a Gisella.

Carla |

Ciao Gisella! Nei bolliti misti che tipo di carne ci metti? Vanno cotti separatamente, o tutti insieme? Non li ho mai mangiati e vorrei provarli!

Gisella |

ciao. Carla, ho fatto cuocere il cotechino solo, il bianco costato in una pentola molto grande quando l’acqua era fredda poi ho aggiunto la gallina, il cappello del prete (è manzo dove vivo io lo chiamano così)e le verdure. Hanno cotto circa 2ore in totale dal bollore (ho controllato con la punta di un coltello la cottura di tanto in tanto) ed il cotechino nella sua pentola 3. Lo servo con salsa verde, senape e mostarda di verona. Tutti hanno detto che era buonissimo ed io ci ho creduto ??. Il brodo era buonissimo e quindi anche il risotto. Prova!

Carla |

Si, grazie, lo proverò sicuramente! Buona giornata!

Gisella |

sorry ripetizione…?
p.s. Csaba ne puoi eliminare uno? ?

K@ti@ |

Magari quello firmato GUsella? 😀

gisella |

noooooo, va beh oggi un disastro! ????

csaba csaba |

Certo! Fatto

Gisella |

grazie sei un angelo Csaba ??

Gisella |

manca ancora una settimana a Natale, posso ancora scrivere sulla mia lettera il titolo di questo libro e vedere se x la mattina di Natale lo trovo sotto l’albero….. Il dolce sembta molto yummy. Buone feste anche a te Csaba

Luisa |

Ciao Gisella ho chiesto di seguirti su Ig ;). Buona serata Luisa