#honestlygood, Senza glutine

Grano saraceno e code di gambero

Piatto unico
3 commenti
Per 4 persone
250 g di grano saraceno
16 code di gambero o scampo, freschi
5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
100 g di pomodorini siciliani sott’olio, semi-secchi
½ cucchiaino di peperoncino in polvere
1 cucchiaio di erba cipollina, tritata al coltello
foglie di timo fresco
sale e pepe nero (facoltativo)
Il grano saraceno è molto più versatile di quanto non si possa immaginare: semplicemente bollito, diventa la base per insalate e piatti unici. Questa ricetta, ispirata ai profumi della Sicilia, è una delle mie preferite per le cene d’estate nei miei giorni senza glutine.

Prima di cominciare pulisci le code di gambero o gli scampi, stacca il carapace, incidi il dorso con la punta di un coltellino affilato e preleva il filo nero dell’intestino, inserendo la punta del coltello e sollevando piano. Estrailo tutto, lavorando delicatamente. Sciacqua i gamberi solo se necessario e mettili su un piatto.

Copri i gamberi con 2 cucchiai di olio d’oliva, aggiungi il peperoncino e mescola bene con le mani, per distribuire bene il condimento. Copri con della pellicola trasparente e lascia marinare così per 30 minuti.

Nel frattempo, porta ad ebollizione una pentola con acqua salata, tuffaci il grano saraceno e lascialo cuocere per 25 minuti circa, poi scolalo al dente. Condiscilo con un cucchiaio di olio e tienilo da parte in una ciotola ampia.

Scalda una padella con 2 cucchiai d’olio d’oliva, su fiamma moderata. Versa i gamberi nella padella calda con la loro marinata, salali un pochino e falli saltare in padella per 3 minuti circa: devono diventare rossi e opachi, ma non cuocere troppo, altrimenti si induriscono. Spegni la fiamma e sposta la padella fuori dal fornello caldo, per evitare che il calore residuo sia troppo forte.

Taglia i pomodorini semi-secchi a pezzetti, scolando via la maggior parte del loro olio. Mettili nella ciotola con il grano saraceno e mescola bene. Aggiungi l’erba cipollina tritata e le foglie di timo, mescola, poi suddividi nei piatti e completa con le code di gambero. Se lo desideri, aggiungi un po’ di pepe nero macinato al momento.

Servi tiepido, come piatto unico (aumentando le dosi un pochino) oppure come accompagnamento a un’insalata di pomodori freschi, cipolla, olive e cetrioli.

 

QUESTA RICETTA E’ TRATTA DAL LIBRO GOOD FOOD
Puoi sfogliare alcune pagine e acquistarlo sul sito con dedica di Csaba. Clicca qui.

Lascia un commento!
3 commenti
Gisella |

ho il tuo stesso sottopiatto anche se il mio è chiaro…. mi piacciono un sacco!

Silvia P. |

Adoro i gamberi e questa ricetta mi ispira molto !!!

Tiziana Lorenzetti |

Mangiata più volte. E’ veramente buona!