Dolci e dessert, Facile&veloce

Coppa di mezzanotte

Dolci e dessert
5 commenti
PER 2 PERSONE

180 ml di gelato al cioccolato fondente
1 banana
75 ml di panna liquida
1 cucchiaino di cannella (o cacao amaro)
Non serve commentare questa ricetta - va solo assemblata, risolve molte questioni: da quelle di cuore a quelle lòegate al mal da lunedì mattina. Non è dietetica, ma é un toccasana per l'umore. Parola mia (serve provarla, per credere...).

Ho mangiato questa coppa decine di volte, da sola, in camera mia – ai tempi in cui la mia camera da letto stava sopra un soppalco e mi addormentavo con accanto i libri e i giornali che finivano lassù settimanalmente, per quel momento di piacere e relax che era, a quell’epoca, l’andare a dormire intorno alla mezzanotte.  Non è un dessert da pomeriggio questo – è qualcosa che ha bisogno di tutta la coltre avvolgente della notte. Perché ti fa sentire in colpa di essere capace di finirla e desiderarla a tal punto da cedere ancora, l’indomani sera…

Scegli un gelato al cioccolato fondente di ottima qualità.
Taglia la banana a fettine, scegliendo una banana soda e bianca, profumata. Monta la panna senza aggiungerci nulla, con un frullino elettrico, mettendola dentro una piccola lattiera di metallo ben freddo.

Assembla le tue coppe mezzanotte mettendo sul fondo dei bicchieri le fettine di banana, in mezzo il gelato e sopra la panna montata, spessa ma non troppo ferma. Completa con un pochino di cannella in polvere sulla superficie (o, se preferisci, cacao amaro). Aggiungi due cucchiaini lunghi e goditi il momento, cucchiaio dopo cucchiaio.

 

Lascia un commento!
5 commenti
Piera |

Csaba è bravissima a rendere magico anche un uovo al tegamino….

Milena1981 |

Come diceva O. Wilde: “L’unico modo per resistere a una tentazione è cedervi”!
Solo una curiosità, cara Csaba: quando parli della camera da letto sopra un soppalco, ti riferisci ai tempi del soggiorno parigino? Con la tua descrizione mi hai infatti subito trasportata sopra i tetti della Ville Lumière: nel film “Sabrina” una deliziosa Audrey Hepburn, a Parigi per diventare una brava cuoca e dimenticare William Holden, scrive una lettera di ringraziamento al padre, seduta nella sua stanza con le imposte aperte che fanno entrare le note de “La vie en rose”…
Buon inizio di settimana, sorseggiando una tazza di tè bianco.

Patrizia |

Che coccola meravigliosa!!!!!

Sabina |

La adoro

Gabriella |

Si può svenire per una coppa di mezzanotte come questa