#honestlygood

Salmone norvegese in alga nori

Secondi
11 commenti
Per 2 persone 150 g di miglio
1 lime
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
350 g di filetto di salmone, senza pelle
2 cucchiai di aceto di riso
1 cm di zenzero fresco, grattugiato
2 fogli di alga nori 2 cucchiai di olio di semi
1 piccola rapa bianca
3 – 4 ravanelli
120 g di yogurt greco
2 cucchiai di succo di limone sale e pepe macinati al momento
origano fresco (facoltativo)
Prepara innanzitutto il miglio, facendolo bollire in acqua salata per circa 20 minuti (controlla il tempo sulla confezione, perché può variare). Mentre cuoce, grattugia la scorza di lime (tienila da parte per dopo) e spremi il succo. Taglia il filetto di salmone in due parti uguali ed elimina tutte le lische. Massaggia il salmone con […]

Prepara innanzitutto il miglio, facendolo bollire in acqua salata per circa 20 minuti (controlla il tempo sulla confezione, perché può variare).
Mentre cuoce, grattugia la scorza di lime (tienila da parte per dopo) e spremi il succo.

Taglia il filetto di salmone in due parti uguali ed elimina tutte le lische. Massaggia il salmone con l’aceto di riso e lo zenzero fresco, salalo appena appena e pepalo un po’.

Avvolgi ciascun filetto dentro un foglio di alga nori, bagnando i bordi con un po’ di acqua, per farla aderire meglio. Se non li cuoci subito, avvolgili anche in un pezzo di pellicola alimentare (puoi conservarli così, in frigorifero, per 3 – 4 ore).
Prepara la rapa lavandola e tagliandola a rondelle molto sottili, poi fai lo stesso con i ravanelli. Mescola lo yogurt con il succo di limone, un po’ di sale e di pepe.

Scola il miglio e condiscilo con l’olio d’oliva e il succo di lime tenuto da parte.
Scalda l’olio di semi in una padella antiaderente e cuoci i filetti di salmone, 2 – 3 minuti per lato (dentro devono restare morbidi).
Tagliali a metà con un coltello affilato e disponili sui piatti, completando con il miglio, la verdura, una cucchiaiata di yogurt e la scorza di lime.

Puoi aggiungere altro zenzero grattugiato, se lo desideri, e foglie di origano fresco.

Lascia un commento!
11 commenti

Simonetta |

Ok ci provo perché mi attrae rispetto al solito salmone che faccio al cartoccio col succo di limone, ma mi sembra un po’ troppo prevalere l’acido

Simonetta, Udine

Katia |

Ho provato questo piatto, effettivamente scenografico e anche buono l’unica cosa che 2,3 minuti di cottura per parte erano un po pochi e aprendolo il samone era crudo all’interno…ma tu l’hai servito così? Noi abbiamo preferito terminarne la cottura.

marta |

Buongiorno, csaba ma la rapa è cotta o cruda??

Katia |

Ciao Marta, senz altro cruda, è buona e più croccante e poi sembra ravanello.

csaba csaba |

Cruda e tagliata sottile Marta!

katia |

Devo sapere una cosa..al momento della cottura, questa va fatta mettendo a contatto il salmone con la padella? non la parte con l’alga vero? quello in foto sembra piuttosto crudo dal colore, è perchè poi viene diviso nella metà? volendo posso cuocerlo anche di più no? e il miglio posso sostituirlo con qualsiasi cereale immagino…
Spero che tu veda questo commento…

katia |

mmm… a guardare meglio però sembrerebbe più chiara (cotta) la zona vicino all’alga però…quindi la mia idea è sbagliata…

Katia |

Deduco che tu non l”abbia visto….

laura bottaro |

Alla faccia della semplicità

Valentina |

Decisamente la mia idea di cucina.

Katia |

Bella e particolare come piace a me…spero di provarla presto. Grazie.