#honestlygood, Dolci e dessert

TORTA (VEGANA) ALLE CAROTE

Dolci e dessert
25 commenti
75 g di mirtilli rossi disidratati
100 ml di thé nero caldo
1 cucchiaio di semi di chia
125 ml di latte di mandorla
60 ml di olio di cocco + 1 cucchiaio
2 cucchiaini di scorza d’arancia grattugiata fine
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
150 g di carote grattugiate a julienne
125 ml di sciroppo d’acero
180 g di farina di farro
50 g di avena in fiocchi
10 g di spezie miste (cannella, chiodi di garofano, zenzero)
2 cucchiaini di lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale
Zucchero a velo, per finire
Non amo i dolci vegani e di solito non li preparo, ma questa torta di carote fa eccezione, perché è buonissima e non ha nulla di meno, quanto a sapore, rispetto a una versione tradizionale. Le spezie le conferiscono un sapore invernale che adoro, e che l’ha fatta diventare la preferita di molti. Metti i […]

Non amo i dolci vegani e di solito non li preparo, ma questa torta di carote fa eccezione, perché è buonissima e non ha nulla di meno, quanto a sapore, rispetto a una versione tradizionale. Le spezie le conferiscono un sapore invernale che adoro, e che l’ha fatta diventare la preferita di molti.

Metti i frutti rossi disidratati in una ciotola e coprili con il thé, in modo che si reidratino un po’. A me piace utilizzare per questo dolce un thé nero profumato al bergamotto e agli agrumi.

Accendi il forno a 180°C e prepara uno stampo da plumcake unto con il cucchiaio extra di olio di cocco.

A parte, metti i semi di chia in una ciotola e coprili con il latte di mandorla. Metti l’olio di cocco in un pentolino e scaldalo su fiamma media, aggiungendo anche la scorza d’arancia e la vaniglia appena lo togli dal fuoco. Lascia in infusione così qualche minuto.

Metti le carote in una ciotola ampia, versaci sopra lo sciroppo d’acero, poi il latte di mandorla con i semi di chia e l’olio di cocco. Mescola bene. A parte, mescola insieme la farina, l’avena, le spezie, il lievito e il sale, poi unisci gli ingredienti secchi alla ciotola con le carote e mescola con una forchetta, sino a che otterrai una sorta di impasto. Per ultimi, unisci i frutti rossi, scolandoli dal thé.

Trasferisci l’impasto nello stampo, inforna e cuoci per 45 – 50 minuti, sino a che la superficie sarà dorata. Togli dal forno e lascia raffreddare su una griglia 15 minuti prima di tagliare la torta a fette e servirla.

Lascia un commento!
25 commenti

Avatar Jenny |

Ecco un mio grande cruccio…. con cosa potrei sostituire l’olio di cocco….. non a tutti piace ho notato grazie mille

Avatar chi@r@ |

Buonasera Csaba, mi chiedevo se fosse possibile sostituire l’estratto di vaniglia con i semi di una intera bacca? Grazie

Avatar Nicoleta Teme |

Ciao, ho provato questa torta, essendo intollerante al glutine non riuscivo a trovare una degna delle mie tisane adorate, adesso è la mia preferita, mio marito la adora anche, grazie mille. Un abbraccio.

Avatar Patrizia Kopsch |

Buonasera Csaba, vorrei provare a preparare questa torta che mi incuriosisce e ingolosisce, non ho mai utilizzato l’olio di cocco, me ne suggerirebbe uno o due marche? Sul web se ne trovano molti ma non conoscendo il prodotto non so quale scegliere… grazie in anticipo e complimenti per l’eleganza, anche il blog è molto bello, quasi un’estensione della sua personalità!

Avatar Marilisa |

Ciao Csaba pensi sia possibile sostituire le farine per realizzarne una versione gluten free?? Ad esempio riso, magari integrale, integrale, grano saraceno, fecola di patate, farina di mais o di mandorle o nocciole??
Che ne pensi??
Grazie

csaba csaba |

Ciao Marilisa, penso possa funzionare, ma potrebbe essere ancora più “bagnata”. Io proverei con fecola di patate, grano saraceno e farina di quinoa. Un terzo ciascuna…

Avatar Federica |

Buonissimo il sapore ma è rimasta un po’ “cingommosa”…da cosa può dipendere?…forno ventilato?…

Avatar Maria |

Anche a me e’ successa la stessa cosa, all’interno non si e’ cotta, eppure ho eseguito la ricetta alla lettera. Peccato.

Avatar Francesca |

Si può sapere per quante persone sono le dosi?
Grazie

csaba csaba |

La torta dà circa 10-12 fette di buone dimensioni.

Avatar Francesca |

Grazie mille!

Avatar Jessica |

Buonissima… grazie della ricetta… non ho messo i chiodi di garofano ed è uscita comunque una meraviglia… la prossima volta aggiungo anche qualche pezzo di arancia candita e uvetta, che ne dici?

Avatar Claudia Pitotti |

Stasera ho sfornato questa torta dagli ingredienti speciali. Solo che è risultata troppo speziata. Mi sembra si sentissero troppo i chiodi di garofano. La prossima volta provo a non metterli perché hanno coperto gli altri sapori. Comunque da rifare quanto prima, mi è piaciuto sia farla che assaggiarla (pochissimo perché sono a dieta e in questo periodo sono in zona zero concessioni). Grazie Csaba

Avatar Stefania |

Ciao Casba,
ho appena sfornato questa buonissima torta , e tutta casa profuma in un modo incredibile di spezie e cocco!
BUONISSIMA!!! Un po laboriosa, ma poi anche bello mettersi alla prova, non avevo mai fatto una torta vegana. Ora invece sono orgogliosa e contenta. Un bacione buona serata
Stefania

csaba csaba |

Grazie Stefania per averlo scritto! E buona colazione domani … sento quasi il profumo da qui

Avatar Stefania |

Un bacio e grazie davvero,adoro le tue ricette…sono sempre speciali e originali. Ti abbraccio.ciao

csaba csaba |

Grazie! Mi fa molto piacere. Contraccambio i saluti affettuosi

Avatar Silvia |

Buongiorno, mi piacerebbe molto provare questa ricetta, ma visto che in freezer ho un kg di mirtilli surgelati freschi della scorsa estate mi chiedevo se potessero andare bene al posto di quelli rossi disidratati e, nel caso, se la dose rimanesse la stessa o converrebbe a questo punto raddoppiare? Grazie molte, buona giornata.
Silvia

Avatar Silvia |

Violà

Avatar Sabina |

Csaba… Ciao! Invece di olio di cocco cosa posso usare? Latte di riso pensi vada bene?

csaba csaba |

Cara Sabina, il latte di riso va bene. Se non vuoi usare l’olio di cocco puoi usare olio di semi di arachide, anche se perderai il sapore esotico e un pochino di consistenza. Ma funzionerà! Oppure un burro vegano vegetale (ma io non li amo e non sempre sono salutari, dipende dalla marca)

Avatar Francesca |

È tra le mie preferite, dolce e leggera. A volte aggiungo anche della frutta secca nell’impasto 😉

Avatar Cristiana Bucella |

Perché non amare i dolci vegani?? Io preparo praticamente solo quelli, così ci si sente meno in colpa a mangiarli e non sono affatto male, se si conoscono le ricette giuste 😉

Avatar sarah |

Le torte poi escono una meraviglia! La pasticceria vegan sarà un po’ diversa ma è buona tanto quanto quella tradizionale <3

Avatar Cristiana |

Condiviso pienamente! 🙂