csaba 25 ottobre 2017

I vantaggi della cottura alla griglia (#provatopervoi)

Cuocere senza grassi, utilizzando l’alta temperatura per poco tempo, è una delle tecniche di cottura più sane quando vuoi preparare verdura, carne e pesce. Sono sempre stata abituata a farlo con una griglia in ghisa da fornello. Poi ho scoperto che…
9 commenti

La cottura alla griglia è facile, veloce e più sana di altre (se sai come cuocere) perché ti consente di preparare molti alimenti senza aggiungere né grasso né condimento. L’ho sempre amata, anche quando il nutrizionismo ha iniziato ad addossarle colpe che, sinceramente, non ritengo abbia. L’unico problema è riuscire a comprenderne i tempi e le temperature: se grigli qualcosa per troppo tempo il cibo a contatto con il metallo caldo brucia e produce sostanze che non fanno bene al nostro organismo. Ecco dove un prodotto come una griglia elettrica, dotata di particolari sensori in grado di dosare il tempo di cottura e il calore in base all’alimento impostato, può aiutare molto.

Ho accettato di fare questo #provatopervoi dopo essere stata contattata da Rowenta, per il lancio della loro griglia Optigrill. Devo dire che – prima del mese di settembre – non ne avevo mai utilizzata una in casa mia e all’inizio avevo un’aspettativa che definirei conservativa. Ma sono stata stupita in meglio. E ho quindi accettato il lavoro di recensire questo prodotto dopo averne fatto personalmente uso.

La griglia elettrica in questione è un prodotto innovativo perché, rispetto ad altre, ha una propria intelligenza che le consente di eseguire la cottura in base al programma impostato. Vuoi scongelare o tostare un sandwich? Preparare un filetto di pesce o una tagliata di manzo? Le principali cotture hanno un tasto di riferimento e – che si tratti di verdura oppure di fette di pane – la griglia esegue la cottura al meglio seguendo un programma preimpostato, così anche chi è alle prime armi può riuscire a fare bella figura.

5 COSE DA SAPERE (E GLI ERRORI DA EVITARE)

  1. Adagia il cibo sulla griglia solo quando è calda al punto giusto, soprattutto per la carne e il pesce, questo accorgimento è fondamentale al fine di sigillare l’alimento intrappolando i succhi all’interno. Se la griglia è tiepida la carne resta dura e le verdure perdono di croccantezza.

2. Quando utilizzi la cottura alla griglia, evita ogni tipo di condimento liquido, per evitare che fumi. Se cuoci carni che sono state in una marinata liquida, tamponale leggermente. Aggiungi il sale dopo la cottura, sempre.

3. Non grigliare alimenti troppo spessi / troppo duri, perchè il risultato sarebbe troppo cotto fuori e crudo all’interno.

4. Non esagerare con il tempo di cottura, la grigliatura perfetta è evidente sull’alimento, ma mai nera e “bruciata” – altrimenti fa male alla salute.

5. Non pungere la carne con forchette apuntite (uscirebbero i succhi) e non usare strumenti affilati sulle griglie antiaderenti, per non rovinarle.

GRIGLIARE LA CARNE ALLA PERFEZIONE
La carne, ad esempio, è un ingrediente che può risultare difficile grigliare a puntino. Ne mangio poca e quando capita deve essere speciale: la acquisto dove ho garanzia di provenienza dell’animale e del tipo di vita che ha fatto, di come è stato nutrito. La voglio cuocere perfettamente, perché – come mi ha insegnato Gualtiero Marchesi – la carne deve essere sempre cotta bene e mai ben cotta.

Ho preparato oggi una tagliata di manzola ricetta la trovate qui – da servire con sale Maldon e olio extravergine d’oliva, spicchi di zucca grigliati, champignon e salsa alla senape. Una cena veloce ma molto ben riuscita, alla quale abbiamo aggiunto un’insalata fresca e delle patate al forno.

La griglia ha impiegato pochi minuti ad andare in temperatura e una manciata extra di minuti a cuocere tutto (un pezzo l’ho volutamente tenuto al sangue, l’altro a cottura media). A fine cottura le piastre si staccano premendo un semplice tasto e vanno in lavastoviglie. Niente fumo, poco odore. Sono molto soddisfatta. E adesso voglio provare con il pesce!

 

————————————————————————————————–

Nota dell’autore. Questo è un post scritto per Rowenta.
Grazie per la vostra attenzione e per i vostri i commenti, che sono sempre benvenuti!

Lascia un commento!
9 commenti
Alice |

Ciao, sai come si fa a capire quando la griglia è abbastanza calda?

Silvia |

Sono appena tornata dalla presentazione del nuovo libro, ho adorato la Molinella, un posto incantevole, in mezzo alla natura e con sapore e altri tempi, ho adorato vedere e conoscere Csaba dal vivo, ero emozionata come un bimbo a Natale! È stata gentile e disponibile. Ho avuto anche il piacere di presentarmi ad Eva, l ambasciatrice in carica per il Veneto, una persona squisita e solare, ho visto i bimbi di Csaba correre e giocare, ho assaggiato le migliori crostate mai mangiate e del pregiato the di Natale… complimenti anche alla Signora Rossetto, ottima padrona di casa, molto bella e cordiale. Il focolare era acceso, candelabri…ceste di vimini, mele rosse, quadretti d antan alle pareti, panche in legno con cuscini shabby…mi è piaciuto moltissimo, un posto da favola…Ora non mi resta che sfogliare il mio Honestly good con dedica. Grazie Csaba per questo pomeriggio 💗

Silvia B |

Ciao Csaba. Volevo augurarti un bel pomeriggio alla Molinella, per la presentazione del tuo nuovo libro. Aspetto uno dei tuoi bellissimi post, magari sull’autunno. Io oggi e domani vado per fiere qua dalle mie parti e spero di portare a casa un cestino pieno di cose buone! A presto e buona giornata! Silvia

GIUSEPPE FIORE |

Buonasera,
potrei avere un consiglio su come cuocere la KOBE che adoro.

Maria eterna |

Noi mangiamo spesso il pesce con questo tipo di cottura, il prescelto è la trota, (il mio papà è pescatore) quindi sempre fresco e lo cucina lui, cottura perfetta, sapore non ha paragone con niente, unico, invece per la carne se ne occupa la mamma. Sono molto puntigliosi con questa cottura quindi se ne vogliono occupare loro, fanno un ottimo lavoro.

Marina N |

Anche io adoro la carne alla griglia anche se ho una comunissima griglia! Non mangio neanche io molta carne, e da poco mangio nuovamente carne rossa che avevo tolto dalla mia tavola solo perché non mi piaceva più! E’ proprio vero che i gusti cambiano….per le verdure grigliate invece devo ancora capire se prima spennellarle con poco olio o no! Infine….è arrivato il nuovo librooooo!!!!!😝

Marina N |

Ma quante volte ho ripetuto mangio? 😧😜

Silvia |

Non mangio molta carne, anzi, pochissima…e quella poca solamente se grigliata! Con rosmarino mi piace proprio, grazie dei consigli Csaba e…..ci vediamo l’ undici a Bovolenta!!! 😍 Non sto nella pelle, finalmente potrò conoscerti, o perlomeno stringerti la mano, mi son fatta coraggio e ho chiesto un permesso al lavoro!

Lalla |

Che buono il filetto alla griglia! Mangio poca carne rossa ma quando lo faccio scelgo quasi sempre questo taglio e questo tipo di cottura, veloce e gustoso. Raramente mi concedo un condimento a base di burro ed erba cipollina. Utilizzo sempre il fior di sale.
Csaba, ma questa griglia di Rowenta è molto grande?