Dolci e dessert, Ricevere

Cheesecake alla vaniglia

Dolci e dessert
34 commenti
Per 1 torta da 8 fette 120 g di biscotti al cacao
(oppure 60g di biscotti al cacao e 60 g di digestive)
3 cucchiai di miele liquido
50 g di burro, fuso
5 fogli di gelatina
50 ml di latte
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia o di vaniglia Bourbon in polvere
220 g di robiola
60 g di zucchero
70 g di crème fraîche
200 ml di panna
1 cucchiaio di zucchero a velo

Per la copertura
Cacao in polvere, oppure zucchero a velo
La cheesecake è un grande classico che esiste in due versioni: cotta al forno, oppure semplicemente raffreddata in frigorifero. La seconda è la mia preferita, in estate come in inverno: non ho dubbi. Ecco la mia ricetta (un po’ diversa dall’originale!) - fatemi sapere cosa ne pensate...

Prepara uno stampo rotondo a cerniera, imburrandolo e rivestendolo con un foglio di carta forno. Imburra anche la carta, poi metti tutto nel frigorifero. Fare questa operazione ti consentirà di poter sformare la cheesecake dallo stampo e metterla su un’alzata. Viceversa, puoi servirla in una ciotola di vetro.

Metti i biscotti in un tritatutto e riducili in polvere, azionandolo a intermittenza. Puoi farlo anche semplicemente battendoli con un mattarello di legno dentro un sacchetto per alimenti: l’importante e che i pezzi siano omogenei e fini. Trasferisci i biscotti tritati in un piatto, irrorali con il burro fuso, poi aggiungi il miele, incorporandolo con un cucchiaio di legno.

Versa questo composto nello stampo rivestito, pareggiando bene con il dorso di un cucchiaio. Tieni in frigorifero.

Metti i fogli di gelatina in una ciotola, coprili di acqua fredda e lasciali così 10 minuti. Strizza i fogli di gelatina dall’acqua e mettili in una ciotolina pulita. Scalda il latte con l’estratto di vaniglia e versalo sopra la gelatina nella ciotolina pulita, mescolando per scioglierlo. Se usi la vaniglia Bourbon, aggiungila quando il latte è già caldo.

Metti la robiola e lo zucchero in una ciotola e montali insieme utilizzando un frullino elettrico. Aggiungi la crème fraîche e monta ancora 1 minuto. A parte, monta la panna sino a che sarà soda ma ancora soffice e uniscila nella ciotola con il formaggio e la crème fraîche, mescolando con una spatola. Versaci il latte, dopo averlo mescolato bene e amalgamalo utilizzando una frusta pulita.
Versa il composto cremoso sopra la base di biscotti, livella con il dorso di un cucchiaio e metti in frigorifero per 8 – 24 ore. La cheesecake deve indurirsi. Servila sformandola su un’alzata e cospargendo la superficie con un cucchiaio di zucchero a velo, oppure di cacao amaro. Si conserva 3 giorni, in frigorifero, coperta con pellicola alimentare.

Lascia un commento!
34 commenti

Avatar Teresa |

Gentilissima Csaba, non sono una grande cuoca ma amo tanto pasticciare. Stasera ho provato a preparere la cheesecake alla vaniglia. Era venuto tutto perfetto ma il latte si è solidificato e quando l’ho inserito nel composto ha formato tantissimi grumi. Dopo tutto l’amore che ci avevo messo, ci sono rimasta molto male. Ho sostituito la creme fraiche, che non ho trovato, con la panna acida. Mi aiuti per favore a capire cosa ho sbagliato? Un caro saluto.

Avatar Simona |

Ciao Csaba
Ho appena messo in frigo il cheese cake alla vaniglia
Ho un dubbio: sarà possibile tagliarlo a fette o è un dolce al cucchiaio?
Hai anche una ricetta da forno?
Grazie mille

csaba csaba |

Cara Simona, sarà possibile tagliarlo a fette dopo 8 – 10 ore! Sì ci sono anche molte ricette “cotte”… ne posterò una che è nel mil libro cioccolato e che a me piace molto. A presto!

Avatar Sonia |

Esiste una versione con base biscotto ma preparata al forno, grazie. Un caro augurio di un 2021 sereno É sorprendente

Avatar gisella |

csaba, ora che avrai mandato in stampa good living,una volta rientrata da Napoli dove oltre a berti un buon caffè avrai fatto felici molte tue fans, ti ricordiamo che natale è alle porte e noi aspettiamo assieme alla nuova copertina di Csaba mag anche un po di ricettine/ ideuzze per prepararci al periodo più bello dell’anno. ( so che è un periodaccio zeppo di impegni…. ma ci manchi un pochino qui…)
un abbraccione lol

Avatar Angela |

Ciao, cosa posso usare in alternativa alla colla di pesce? O per lo meno io uso solitamente la agar agar , ma quanta bisogna usarne? Grazie

Avatar Nicoletra |

Scusatemi la curiosità in cosa consiste il menù alcalino??

Avatar katia |

Ciao Nicoletra(?) provo a piegarti cos’è….è un menu composto da cibi classificati alcalini che serve a bilanciare i giorni in cui abbiamo mangiato pesante(o acido) in modo da riportare il nostro organismo sulla “retta via” quindi prediligendo cibi come finocchi,broccoli,avocado,quinoa,lenticchie grano saraceno,zucchine e molti altri che non farai fatica a scovare in internet..se tutto questo è vero dovremmo iniziare a vedere i benefici anche sulla linea spero.

Avatar katia |

ehi ma le lenticchie risultano essere acide non alcaline!!!c’è un po’ di confusione??

Avatar katia |

Csaba ma questa sarebbe la “cake of the month” o ne hai in serbo un altra?

Avatar katia |

…no non può essere questa la cake of the month perchè manca l’autrice quindi visto che siamo quasi a fine mese e che Csaba è impegnata col suo tour ve la do io….
(Ghost)cake of the month
ingredienti:
300grrrrr di farina impalpabile(quindi invisibile)
150grrrrr di zucchero invertito(quindi orehccuz)
3 uova separate il rosso non lo usate e il bianco lo buttate
niente burro ma neppure olio
cottura in forno evaporato
e vedrete uscire un dole fantasma..gorico!
ciao ragazze!

Avatar katia |

dolce* fantasma…gorico

Avatar gisella |

ahahah Katia sei unica!!!!…. però credo sia proprio vero, Csaba ha mille impegni ma prima o poi riapparirà anche qui, niente più ghost solo la ns cara Csaba 🙂 ciao

Avatar gisella |

tortiera da cm…..? 20 o 24?

Avatar Katia |

Guardando queste foto Gisella sembrerebbe uno stampo da 20cm…

csaba csaba |

Gisella il mio è da 22 cm

Avatar gisella |

22 giusto quella che manca 🙁 ….. la vado a comprare? ma si vah

Avatar LALLA |

Anche io mi stavo domandando la grandezza della teglia, grazie per aver anticipato la domanda Gisella!
Avevo smesso di mangiare dolci per un po’…ma credo sia stato peggio! Ora ho in lista un migliaio di dolci da provare e ho una crisi d’astinenza pazzesca!!! 🙁

Avatar Luisa |

Ciao Csaba la cheesecake e’ l’unico dolce che apprezza mio marito…gli altri li preparo per i bimbi, per me ed eventuali ospiti ;)! La ricotta non va bene in questo caso invece del mascarpone ? Di solito la uso in quella al forno…buona serata Luisa

Avatar Carla |

Gradirei conoscere l’alternativa alla creme fraiche.. Philadelfhia?

csaba csaba |

No, Philadelphia no per favore… piuttosto mascarpone fresco! La consistenza sarà uguale, ma perderà un po’ di acidità. Per chi usa il mascarpone suggerirei di togliere 10 g di zucchero.

Avatar Katia |

e il formaggio quark ad esempio?

Avatar Laura |

Se non dovessi trovare la créme fraîche?

csaba csaba |

Mascarpone Laura, e 10 g in meno di zucchero per evitare che sia troppo dolce. Se possibile meglio un mascarpone fresco in negozio, quelli confezionati (specialmente alcune marche) sono duri e hanno un sapore troppo marcato.

Avatar Alessandra Donnini |

Cara Csaba, capisco la ‘repulsione’ per il Philadelphia, ma il Mascarpone ha un sapore decisamente diverso rispetto alla Creme Fraiche. Si rischia di ottenere un dolce senza quel sapore caratteristico che darebbe la CF. Il Quark trovo che sarebbe una buona alternativa, che poi è quello che usano in Germania per proporre lo stesso dolce (Kaesekuchen). Il mascarpone mi sa di “mappazza”, no?

Avatar Giselle |

Mi piace molto la cheesecake in generate, cotta in forno, al cioccolato, vaniglia, passata in freezer al gusto di frutta, insomma in qualsiasi modo…. Generalmente peró quando faccio quella che nn si cuoce ho difficoltà a tagliarla. La base di biscotto resta durissima (presumo X via del burro che congela) esiste qualche trucchetto x evitare l’inconveniente?

csaba csaba |

La mia non è dura da tagliare ma… Tirala fuori dal frigorifero 15 minuti prima di servirla!

Avatar gisella |

ok, la preparo come secondo dolce ( il primo sarà la pecan pie) x la nostra cena del thanksgiving, poi ti aggiorno 😉
grazie mille

Avatar Paola |

Buonasera, per chi non ama la vaniglia come me, quale aroma si potrebbe utilizzare in alternativa? Grazie per le splendide ricette.

csaba csaba |

Caffè, ad esempio. Cacao. Liquore all’arancia…

Avatar Elisa |

E la panza? Ma proprio adesso che sono a dieta dovevi mettere la ricetta del mio dolce preferito.PROTESTO! Inoltre,il tempo di riposo della torta non e’ assolutamente compatibile con il tarlo mentale che si insinuerebbe nella mia mente e che mi farebbe sbrinare il frigo a forza di aprirlo e chiuderlo ogni cinque minuti…Comunque,stavolta-ma solo stavolta-faccio uno strappo alla regola…ma solo per te.Qualcuno dovra’ pur dare un giudizio.E pazienza,quel qualcuno saro’io!

csaba csaba |

Brava! Fette piccole, mi raccomando . È il giorno seguente menù alcalino. Funziona sempre!!

Avatar Katia |

e infatti io oggi sono a menù acalino dato che ieri ero invitata a cena da amici…speriamo funzioni!

Avatar Marina N |

Elisa anche io se continuo così diventerò tutta panza e cosciotte!
🙂