#honestlygood, Ricette di base

FOCACCIA INDIMENTICABILE

23 commenti
INGREDIENTI PER 1 FOCACCIA
100 g di lievito madre

50 ml di acqua

50 g di farina

300 g di farina bianca

50 ml di olio extravergine d’oliva

1/2 cucchiaino di sale

altro olio extravergine d’oliva, per la superficie

sale in fiocchi


SE USI IL LIEVITO DI BIRRA
25 g di lievito di birra fresco
350 ml di acqua

500 g di farina
 bianca
50 ml di olio extravergine d’oliva

1/2 cucchiaino di sale

altro olio extravergine d’oliva, per la superficie

sale in fiocchi

La focaccia, c'è qualcuno a cui davvero non piace? Non credo proprio. Ecco perchè una volta imparata a farla con la mia ricetta non comprerai mai più una focaccia pronta. parola mia.

Puoi preparare questa ricetta sia con il lievito di birra che con la pasta madre.
La differenza è solo l’inizio della lavorazione.

CON LA PASTA MADRE
Prendi 100 g di lievito madre dal barattolo che usi per la fermentazione (se lo hai messo in frigorifero per rallentare la frequenza dei rinfreschi, devi prima portarlo a temperatura ambiente).
Rinfresca il lievito madre aggiungendo l’acqua e la farina e impastando bene. Lascia riposare, coperto con un canovaccio bagnato, per circa 2 ore, in un luogo tiepido e protetto.

A questo punto, aggiungi la farina, l’olio e il sale e impasta tutto insieme, in modo energico. Puoi utilizzare un impastatore elettrico, oppure impastare a mano. Raccogli l’impasto in una palla, mettilo in una ciotola coperto con un canovaccio umido e lascia lievitare per 3 ore, in un luogo tiepido (io uso l’interno del forno, tiepido e spento).

CON IL LIEVITO DI BIRRA
Sciogli il lievito (25 g) in acqua tiepida (300 ml circa) e mescola per scioglierlo bene.
Versa in una ciotola ampia 500 g di farina e 1/2 cucchiaino di sale. Mescola con le mani, fai una fontata al centro, poi aggiungi l’acqua con il lievito e l’olio. Impasta tutto insieme, in modo energico. Puoi utilizzare un impastatore elettrico, oppure impastare a mano. Raccogli l’impasto in una palla, mettilo in una ciotola coperto con un canovaccio umido e lascia lievitare per 3 ore, in un luogo tiepido (io uso l’interno del forno, tiepido e spento).

 

CONTINUA COSì…
Prepara una placca rivestita di carta forno.
Accendi il forno a 210°C e, mentre si riscalda, impasta nuovamente la focaccia sul piano da lavoro, poi stendila con le mani dandole una forma rettangolare e imprimi sulla superficie i polpastrelli, per creare i classici buchi.

Irrora la superficie con olio d’oliva e cospargi con il sale in fiocchi. Inforna e cuoci per 27 – 32 minuti, o sino a che la superficie sarà dorata e croccante.
Togli dal forno e trasferisci la focaccia su una griglia da raffreddamento.
Tagliala a quadrotti e servila, tiepida o fredda.

 

 

 

Lascia un commento!
23 commenti

Sara |

Ciao. C’è un errore! Rileggete gli ingredienti! Ci sono solo 50 ml di acqua! Poi 50 g di farina e 300g di farina bianca cosa vuol dire?
INGREDIENTI PER 1 FOCACCIA
100 g di lievito madre

50 ml di acqua

50 g di farina

300 g di farina bianca

50 ml di olio extravergine d’oliva

1/2 cucchiaino di sale

altro olio extravergine d’oliva, per la superficie


Rebecca |

Se il lievito madre ha idratazione 100% servono solo 50 di acqua. I primi 50 di farina servono per il rinfresco (all’inizio della ricetta si dice di utilizzare acqua e farina per rinfrescare la pasta madre e poi lasciarla riposare, poi aggiungere i restanti 300 grammi di farina)

Federica |

Ciao casba nella versione con il lievito madre non è indicata la quantità d’acqua da usare per la preparazione, ma solo quella per rinfrescare il lievito madre. Quanta acqua serve?

francesco maria |

Ottima ricetta, grazie Csaba. In questo tempo di emergenza sanitaria è importante riappropriarsi di quei gesti che ci fanno stare meglio. Io ho usato la farina W260. La focaccia me la chiedono a giorni alterni

Alessio |

Se uso un mix farina Manitoba e tipo 1 che quantità consigli??

Simona |

Se usi farine forti come la Manitoba devi fare lievitazioni lunghe. Va bene anche una W 260 o una zero se lieviti in giornata. Spero di esserti stata un po’ utile per quel poco che ho imparato.

Rosaria |

Ottima, l’ho preparata con il mio nipotino di 5 anni.

Manuela |

Ciao Csaba, ieri mi sono cimentata nella preparazione di questa focaccia con il lievito madre ma l’impasto è risultato troppo compatto e non ha lievitato bene, temo ci sia un errore con le dosi dell’acqua. Puoi confermare?

csaba |

Ciao Manuela, la dose di acqua che io utilizzo è di 350 ml come scritto. La faccio spesso, e a me viene come quella della foto. Tuttavia, può dipendere certamente dalla lievitazione, dal forno, dalla “madre”. L’impasto deve essere soffice e abbastanza umido, quindi se a te è venuto compatto, suggerisco di aumentare la dose dell’acqua, magari di + 30 ml o + 50 ml. procedi un po’ alla volta… spero di esserti stata di aiuto.

Anna Ziero |

Buongiorno Csaba, nel procedimento con lievito madre c’è scritto 50ml di acqua, mentre nel procedimento con lievito di birra c’è scritto 350 e anche in questo commento (dove Manuela parla di procedimento con lievito madre) lei scrive di usare 350ml. Manca forse un “3” davanti a “50” nell’elenco ingredienti?

Alice |

Buongiorno
credo che ci sia un errore nella ricetta per la pasta madre. Parla di 50ml d’acqua che mi sembrano molto pochi. Non è 350ml? Grazie Alice

Manuela |

Anche secondo me c’è un errore con le dosi dell’acqua. Ho seguito la ricetta ma l’impasto è risultato troppo compatto e poco elastico, il sapore buono ma di fatto è venuta una schiacciata e non una focaccia.

Anna |

Buonasera  vedo che nella versione con lievito di birra, tra gli ingredienti, viene specificato 350ml di acqua tiepida, mentre nel procedimento solo 300ml. È un errore di battitura oppure devo tenere un po d’acqua da parte in caso di bisogno? Grazie mille, ti ammiro molto 

csaba |

Cara Anna, no non è un errore, devi tenere gli ultimi 50 ml da parte in caso servano. Ogni farina assorbe il liquido in modo diverso, quindi a me capita di usare da 300 a 350 ml di acqua per la stessa ricetta. Devo dire che 320-330 è la mia dose più frequente.

Savi |

Ciao Csaba però nella ricetta con il lievito madre ci sono soltanto 50 ml di acqua, poi 50 di farina e 300 di farina bianca… è corretto?

alberto baccani |

Csaba complimenti per la brillantissima idea, anch’io abitando in P.zza Libia vado spessisimo da Davide Longoni. ho fatto con alterni risultati del pane . Adesso appena riapre e trovo da lui il lievito madre proverò a farlo secondo le tue ricette. Per la cronaca complimenti alla tua squadra di Cortesie….siete sempre divertentissimi in particolare Diego. saluti avv.Alberto Baccani sempre un tuo fedelissimo follower

csaba |

Buongiorno Avvocato, anche io andavo spesso da Davide vicino a piazza Libia. Ora però ha aperto più vicino a casa mia e quindi vado in via Bronzetti. Il suo pane è fantastico, quando non lo faccio io, acquisto il suo. Una garanzia di qualità e di gusto. Grazie (anche a nome dei miei colleghi) per i complimenti affettuosi. A presto con le nuove puntate, che inizieranno a breve e sono già disponibili per chi vuole su DPlay (il primo mese è gratuito, approfittatene!).

Luisa |

Piu tardi provo a farla. Le tue ricette, Csaba, sono sempre una garanzia. A Genova mettiamo la salamoia sulla focaccia prima di infornarla, cioè un misto di olio evo, acqua e sale. Ma in questo caso seguirò il tuo consiglio.

Anna |

Buonasera 🙂 vedo che nella versione con lievito di birra, tra gli ingredienti, viene specificato 350ml di acqua tiepida, mentre nel procedimento solo 300ml. È un errore di battitura oppure devo tenere un po d’acqua da parte in caso di bisogno? Grazie mille, ti ammiro molto 🙂

Anna |

Scusa ho sbagliato 🙈

Marta |

Ciao a Genova non mettiamo il sale grosso sopra la focaccia. Prima di infornarla mettiamo sopra oltre all’olio un bicchiere di acqua per dare croccantezza fuori e morbidezza dentro. Se vuoi prova se non lo hai mai fatto. Io proverò il tuo pane ora che ho trovato un mulino che vende farine biologiche.

Mauro |

Ma che meraviglia, un prodotto della tradizione decisamente unico!

Eugenia |

Ciao Csaba,
la focaccia la cuoci in forno statico o ventilato?